Chi siamo

L’Associazione “Una Casa Anche Per TE” nasce nel luglio 2000 all’interno dell’Oratorio Don Bosco di Paderno Dugnano.
Nasce dal desiderio di aprire le porte della propria casa per ospitare ed accogliere i più piccoli e gli ultimi.

Concretamente, fin dall’inizio, organizza l’ospitalità, presso famiglie aderenti allo spirito dell’associazione, di ragazzi provenienti dalla Bielorussia, accogliendo anche ragazzi provenienti dall’orfanotrofio “Internat” di Radun (Progetto “Chernobyl”).

Fino a giugno 2007 quotidianamente ha organizzato un doposcuola (Progetto “NonSoloScuola”) per venire incontro alle esigenze delle famiglie di “organizzare” il tempo libero dopo la scuola con l’attenzione alla crescita umana e scolastica dei ragazzi. Collabora per questo anche con i servizi sociali del Comune di Paderno Dugnano mettendosi in rete con tutte le agenzie educative del territorio e con la Caritas Ambrosiana (Progetto “Pallastrada”) per cercare di integrare, ma in un contesto più protetto, ragazzi già segnalati o presi in carico dai servizi sociali.

Seguendo poi la vicenda del proprio Presidente, l’associazione ha collaborato con la Caritas seguendo il progetto “Aree dimesse” occupandosi dei diversi risvolti umani, sanitari, sociali, politici che unproblema complesso come questo genera nell’area metropolitana milanese. Questa esperienza ci ha fatto scoprire un’altra Milano, una Milano “dal basso” che chiede ospitalità alla frenetica vita dell’hinterland milanese.

Dal 2006 ha intrapreso, in collaborazione con la “Casa della Carità” un percorso di integrazione per bambini e ragazzi rom, partendo dal sostegno scolastico per poi porre le basi per una integrazione a più ampio respiro (Progetto “Senza Confini”).

Nello stesso anno ha attuato un percorso di incontri per ragazzi e loro genitori sul tema della regole (Progetto “Sentire e rispettare l’altro”).

Attualmente l’associazione prosegue con l’attuazione dei progetti “Chernobyl” e “Senza Confini” e sta attivando una comunità familiare di accoglienza per mamme con bambini e un progetto di formazione professionale (laboratorio di orto-botanica) per adolescenti.